La conoscenza di un territorio e dei suoi valori identitari costituisce non solo il fondamento di un sentimento di appartenenza per le comunità che vi risiedono, ma anche il presupposto per un reale apprezzamento e per una consapevolezza del valore, collettivo e individuale al tempo stesso, del patrimonio culturale locale, oltre che una condizione essenziale per la sua tutela e per la sua rinascita economica e sociale.

Knowing a country and its identity values is both the basis for a sense of belonging for local communities and the prerequisite for an appreciation and a true understanding of the single and collective importance of the cultural and territorial heritage. It is, moreover, the necessary condition to promote its protection and economic and social revival.

venerdì 28 agosto 2015

Sessa Aurunca. Corteo storico rievocativo della visita di Carlo V alla Città

Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Con un salto all’indietro di quasi cinque secoli, con una giornata all’insegna del Rinascimento, con lo splendore degli abiti, dei suoni e delle armi del periodo, Sessa Aurunca ha voluto rievocare la storica visita che l’imperatore Carlo V fece alla Città nel 1536. Cavalli e cavalieri, sbandieratori e musici, banchieri e ricchi mercanti, dame e damigelle, uomini in armi, sindaci, magistrati e rappresentanti con le insegne dei quartieri della Città, archibugieri e balestrieri hanno accompagnato la figura di Carlo V in un lungo e maestoso corteo che si è snodato lungo le strette stradine del centro storico di Sessa Aurunca dalla torre medievale di porta Cappuccini fino alla piazza de Lo Mercato, passando per le strette stradine che portano alla Cattedrale e, quindi per le rampe e la piazza d’armi del Castello.
Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Il personaggio
Nato a Gand, nelle Fiandre, nel 1500, e morto a San Jerónimo de Yuste nel 1558, Carlo discendeva da alcuni dei casati più illustri della nobiltà europea: infatti, era figlio di Filippo d’Asburgo, detto il Bello (perciò nipote dell'Imperatore Massimiliano) e di Giovanna detta la Pazza (figlia di Ferdinando d'Aragona e di Isabella di Castiglia).
Nel 1516, dopo la morte di Ferdinando il Cattolico, Carlo (che, alla morte del padre, nel 1506, aveva già ereditato i Paesi Bassi), divenne re dell'ormai unificato Regno di Spagna, che, da un lato, con il possesso del regno di Napoli, della Sicilia, della Sardegna e delle Isole Baleari, già occupava una posizione centrale nel Mediterraneo; dall'altro, con le recenti conquiste sulle sponde del continente americano, si proiettava verso gli oceani, contendendo ai Portoghesi il dominio delle nuove terre.
Tra il 1534 e il 1535 l’Imperatore Carlo V è costretto ad organizzare una poderosa spedizione contro i Turchi di Solimano II il Magnifico, che in questo periodo infestano il Mediterraneo. Guidate da Chair-Ed-Din, detto Barbarossa, signore di Algeri, le navi turche gettano il terrore su tutte le coste dell'Italia meridionale con sbarchi improvvisi, saccheggi e rapimenti.
La spedizione, forte di 400 navi e 25.000 soldati, ha un grande successo: il 14 ottobre 1535 viene espugnata la Goletta, la fortezza posta a protezione di Tunisi. Poco dopo cade anche Tunisi, grazie alla ribellione dei ventimila schiavi cristiani che riescono ad aprire le porte alle armate imperiali.
Carlo V, dopo la vittoria, inizia una visita nei suoi possedimenti in Italia.


Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 



Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 


Il fatto storico
(integralmente ripreso dal sito ufficiale della manifestazione: 
http://www.grantorneodeiquartieri.it)

Secondo la cronaca di notar Antonino Castaldo l’Imperatore entra trionfalmente in Napoli il 25 novembre del 1535, giorno di Santa Caterina, e dimora nel Castello Nuovo per tutto l’inverno.
Risale certamente a questo periodo la richiesta fatta all’Imperatore dal nostro illustre concittadino Agostino Nifo di una serie di agevolazioni fiscali e privilegi per l’arte della stampa a Napoli (di cui ricevette la cittadinanza onoraria nel 1528), che dopo l’impresa francese del 1527, e la peste di quell’anno, giaceva in un periodo di depressione.
Agostino Nifo, detto anche il Sessano, è stato medico e, soprattutto, uno dei filosofi più illustri del suo tempo, amato dai Pontefici e riverito dai sovrani. Professore di filosofia all'Università di Padova e in seguito anche a Napoli, Roma e Pisa, raggiunse una fama tale da divenire, appoggiato da Papa Leone X, il difensore della dottrina cattolica nella disputa sull’immortalità dell’anima contro le posizioni di Pietro Pomponazzi e degli alessandristi. Fu per questo ricompensato con la nomina a conte palatino con il diritto di assumere il cognome del Papa, Medici.
Anche a Carlo V era giunta l’eco della fama del Nifo. Secondo Tommaso De Masi, il più illustre storico municipale: “Pervenuta all’orecchio dell’Imperadore Carlo V, allora regnante, la fama di un così dotto Uomo, volle averlo presso di se, e gli diede particolari segni della stima che di esso si faceva, nominandolo suo Consigliere di Stato e Grande. Per la qual cosa essendosi un giorno seduto (il Nifo) e coverto avanti di quello (Carlo V), nel mentre molti gran Signori erano scoverti ed all’in piedi, avvertito dal medesimo Imperadore (…) risposegli che de’ Signori e Principi esso poteva farne quanti voleva con una sola parola, ma far non poteva un de’ Filosofi suoi par”.
Questo incontro, avvenuto certamente alla corte madrilena dell’Imperatore, è stato iconograficamente immortalato in una delle tele esposte nel salone del palazzo di Città di Sessa, dal pittore aurunco dell’800 Luigi Toro.
Il Nifo aveva già in passato dedicato a Carlo V due opere, il De falsa diluvii prognosticatione, del 1519 e il de regnandi peritia, del 1523. Sempre secondo il De Masi, aveva fatto erigere nel 1532 un’iscrizione in onore dell’Imperatore “dopo che egli… si portò nell’Ungheria con un esercito di ottantamila Fanti e trentamila cavalli per combattere Solimano Re de’ Turchi, che vi faceva de’ gran progressi”.

Pertanto, quando Carlo V muove da Napoli alla volta di Gaeta il 22 marzo 1536, decide di fermarsi a Sessa il 24, vigilia dell’Annunciazione “in grazia di Agostino che allora era Sindico de’ Nobili e con molta magnificenza lo trattò, concedette alla Città ed a’ particolari cittadini delle molte grazie e privilegi” (De Masi). Secondo la cronaca di don Gaspare Fuscolillo, l’Imperatore giunge “at ventitré hore et mecza” a Sessa alla porta del borgo inferiore, non ancora detta poi dei Cappuccini, accolto, oltre che dal Nifo, dagli altri Sindaci Marcantonio di Palo e Cesare Lippo. In suo onore i sessani fanno grandi feste e lo stesso Agostino Nifo detterà poi il testo di un’altra epigrafe che, insieme all’altra del 1532, si trova ancora oggi murata lungo il Corso Lucilio, nei pressi del medievale “Sedile di San Matteo” o dei Nobili. L’Imperatore sosta nella città alloggiando nel castello ducale “perfine alla mattina sequente et depoi se partio at hore 18” (Fuscolillo) alla volta di Gaeta donde si imbarca per Roma.


Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 



Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

giovedì 27 agosto 2015

Mondragone. IV edizione di Lumina in Castro sulla Rocca Montis Dragonis

Lumina in Castro 2015. 
Locandina

Appena quattro anni di vita e già si presenta come una delle manifestazioni più attese nel panorama degli eventi che si svolgono a Mondragone, parliamo di Lumina in Castro, un progetto nato nel 2011, che anche quest’anno con la collaborazione tra il Comune di Mondragone, il Museo Archeologico “Biagio Greco e la Parrocchia di san Michele arcangelo extra moenia, si propone di valorizzare il complesso archeologico della Rocca Montis Dragonis, importante sito storico e culturale, oggetto da dodici anni di campagne di scavi finanziate dalla Città di Mondragone e condotti da importanti Università italiane. 
Per approfondimenti sul sito è possibile visitare:

Rocca Montis Dragonis  che si erge maestosa sulla vetta del Petrino sarà  la protagonista indiscussa della IV edizione di Lumina in Castro, dal 3 al 6 settembre prossimo.


Rocca Montis Dragonis


I partecipanti a Lumina in Castro suddivisi in due gruppi, per ciascuna delle quattro serate, dopo aver raggiunto con mezzi propri il campo di ristoro allestito in località “Passata”, muniti di torce elettriche dagli organizzatori, raggiungeranno la Rocca percorrendo un sentiero naturale, sotto la guida di operatori della Protezione Civile. Giunti sul promontorio potranno apprezzare la maestosità della Rocca Montis Dragonis, dinanzi a un panorama che spazia da punta Campanella fino al promontorio del Circeo.
Grazie alla complicità del paesaggio, colto nelle ore notturne, e agli spettacoli teatrali e di danza, la Rocca apparirà ai presenti in tutto il suo splendore, accentuato dalla proiezione di alcuni video scelti per l’evento, non a caso denominato 

LA ROCCA SULLE ORME DI PERSEO:  LE STELLE RACCONTANO IL MITO



Rocca Montis Dragonis


Gli organizzatori invitano a visitare la pagina del progetto (FAI Fondo Ambiente Italiano) “I luoghi del Cuore”: 



accedendo ad essa, sarà possibile esprimere il proprio voto a favore della Rocca Montis Dragonis e, quindi, sollecitare le Istituzioni locali e nazionali competenti affinché riconoscano l’interesse dei cittadini verso la Rocca Montis Dragonis e mettano a disposizione le forze necessarie per il suo recupero.

lunedì 17 agosto 2015

Gran torneo dei Quartieri: Sessa Aurunca rivive la Storia con la rievocazione della visita di Carlo V alla Città del 1536

Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Dedicato alla rievocazione storica della visita che l'imperatore Carlo V fece alla città di Sessa Aurunca nel 1536 di ritorno dalla spedizione contro gli arabi di Tunisi, il Corteo Storico della XVII edizione del Gran Torneo dei Quartieri che avrà luogo sabato 22 agosto 2015.  
Il Corteo rappresenta il momento più suggestivo, di maggiore richiamo e di più grande impatto spettacolare e si svolge per le vie del Centro Storico, vero e proprio spaccato medievale, rievocando momenti storici ricordati dagli antichi cronisti locali. Un coreografico spettacolo in costumi d’epoca al quale prendono parte centinaia fra figuranti, musici, sbandieratori e balestrieri che si snoda lungo le storiche vie del Centro, attraverso la suggestiva rampa del Castello Ducale, approda nel magnifico arengo di Piazza de lo Mercato dove, in un tripudio di bandiere, di suoni e di colori si esibiscono i gruppi storici e si svolge la spettacolare “Gara della Balestra”. 
I Balestrieri dei più noti gruppi d’Italia abbinati ai Quartieri per l’assegnazione della vittoria finale del GRAN TORNEO, danno vita ad una spettacolare gara di abilità e precisione che tiene col fiato sospeso tutti gli spettatori. 

Molti e storicamente importanti, non solo per la vita della Città, i personaggi rievocati fino ad oggi nel momento in cui entrarono in Sessa e la visitarono ufficialmente: i Duchi Marino ed Eleonora Marzano; Gonzalo Fernández de Córdoba, 1° Viceré del Regno di Napoli e dal 1507 Duca di Sessa; gli Imperatori Carlo VIII e Carlo V; Luigi ed Elvira de Córdoba. 


Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 




Sessa Aurunca, il Castello


Il “Gran Torneo dei Quartieri” è stato ideato e organizzato per la prima volta nel settembre del 1971 dall’Associazione Turistica “Pro Loco” Sessa Aurunca, nell’intento di assegnare alla Città una manifestazione spettacolare, rievocando alcuni degli episodi più significativi della ricca storia medievale e rinascimentale di Sessa. 
L’evento vuol essere un’attrazione per turisti e appassionati e consentire a tutta la Cittadinanza di prendere parte a gare e giochi tradizionali in simpatica e stimolante attività agonistica.


Sessa Aurunca, la cupola ed i campanili della chiesa dell'Annunziata

Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Al Torneo partecipano le “squadre” dei nove storici Quartieri della Città guidate da “Sindaci, Magistrati e Capitani”, secondo le antiche magistrature cittadine.

CARMINE Comprende la zona a nord della Città. Risale al 1500 nei suoi più antichi casali, ma conserva ancora i resti della Basilichetta di S. Casto e di catacombe (ancora inesplorate) dell’era cristiana. Il quartiere comprende numerose costruzioni moderne sorte tra la seicentesca Chiesa del Carmine e del suo Monastero (per oltre un secolo adibito a Ospedale Civile) e la via di S. Caterina.

ARIELLA Gravita intorno alla maestosa Chiesa dell’Annunziata (iniziata nel XV sec. e completata poi nel 1700), alla Piazza Mercato e al Castello Ducale, risalente al IX sec. ma trasformato nel corso dei secoli e soprattutto nell’epoca dei Marzano (XIV-XV sec.). Sviluppatosi tra il XV e il XIX sec., è un quartiere di antica tradizione commerciale e artigianale.

SAN LEO Quartiere nato sotto le mura orientali della Città verso il XIV-XV sec., deve il nome al fatto che in esso trovasi l’antica chiesetta costruita sulla casa dove forse si rifugiò nel 1053 il Papa Leone IX dopo la battaglia di Civitate. Onorato dai sessani dell’epoca, S. Leone venne poi proclamato patrono della Città.

DUOMO Comprende il nucleo centrale della Sessa medievale che nel tracciato delle vie ricalca in parte lo schema viario della zona alta della Suessa romana. Ricco di belle case, portali e finestre medievali, tipico per la sua struttura urbanistica, nella quale domina la maestosa Cattedrale romanica del XII sec., con reperti romani, pregevoli sculture e splendidi mosaici.

VILLA Così denominato dalla “Villa” comunale, costruita nel XIX sec., comprende parte dell’abitato medievale sud-occidentale, aperto verso il mare in posizione panoramica. Vanta il complesso archeologico della Città: l’”Aerarium-Tabularium”, il “Criptoportico” e il “Teatro romano”. Dell’età medievale si conservano la Chiesa di S. Benedetto, una bella “casa-torre” trecentesca; il Convento e la Chiesa monumentale dei Francescani, la Chiesa di S. Anna, facente parte dell’omonimo convento trasformato in abitazioni nel XX sec.

SAN DOMENICO Completa, con il quartiere “Duomo”, la parte più tipica della Città. Sviluppatosi anch’esso nell’area centrale dell’antica Suessa – lungo le sue strade si allineano infatti alcuni ambienti di età romana perfettamente conservati – prende il nome dal complesso conventuale eretto nel XV sec. dai padri Domenicani. Vi si trovano l’ex Convento di S. Germano, la casa dei Cordova, con stupende finestre catalane; i resti dell’antichissima Porta dei Saraceni, delle mura e delle torri di cinta medievali.

CAPPUCCINI Comprende parte dell’abitato medievale sud-occidentale, aperto verso il mare in posizione panoramica. Vanta il complesso archeologico della Città: l’”Aerarium-Tabularium”, il “Criptoportico” e il “Teatro romano”. Dell’età medievale si conservano la Chiesa di S. Benedetto, una bella “casa-torre” trecentesca; il Convento e la Chiesa monumentale dei Francescani, la Chiesa di S. Anna, facente parte dell’omonimo convento trasformato in abitazioni nel XX sec.

BORGO NUOVO Quartiere di recente costruzione (1950) si trova nella parte sud della Città ed in esso si sono trasferiti buona parte degli abitanti del vecchio centro storico. Nella sua area sono stati rivenuti resti di costruzioni e strade di età romana, oltre a numerose “tombe” di una vasta necropoli risalente all’epoca imperiale di Roma. Sorto nella località detta “il Semicerchio”, ha consacrato il nuovo nome proprio in occasione della sua partecipazione al “Gran Torneo dei Quartieri”.

SANT’AGATA Ѐ il “Quartiere” nato sulla Statale Appia e prende il nome della località dove sorgeva la celebre “taverna di Sant’Agata”, dal ‘700 una delle più note “stazioni di posta”, sulla strada che da Roma portava a Napoli. In essa sostarono celebri personaggi e illustri viaggiatori stranieri, come il Goethe, che spesso visitarono Sessa e la citarono nelle loro opere. Dalla “Villa Struffi”, quartiere generale delle truppe piemontesi, Vittorio Emanuele II, la sera del 29 ottobre 1860, emanava il famoso proclama con il quale dichiarava annesse al Regno d’Italia le terre meridionali.

Sessa Aurunca, le insegne dei quartieri della Città

Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 

Al termine di gare spettacolari e avvincenti, al Quartiere vincitore viene assegnato l’ambito “Palio” con le insegne della Città.




Sessa Aurunca rivive i fasti del Rinascimento con l'ingresso in Città 
dell'imperatore Carlo V e della sua corte 


domenica 16 agosto 2015

Alcuni esempi iconografici della Madonna del Latte o "Virgo lactans" nel territorio massicano


Lauro di Sessa Aurunca. Affresco dal Santuario della Madonna dei Pozzi

Sant'Andrea del Pizzone. Affresco dalla chiesa della Madonna delle Grazie


Maranola di Formia (Latina)
Particolare dell'affresco dalle chiesa medievale di Santa Maria ad Marthyres


Ventaroli di Carinola, Affresco dalla Basilica di Santa Maria in Foro Claudio

Marzuli di Sessa Aurunca, Affresco dal Convento dello Spirito Santo
(per gentile concessione di Salvatore Donatiello)

Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta

Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta



Nella storia dell’arte la Madonna del Latte, detta anche Virgo Lactans, è una iconografia cristiana spesso ricorrente: la Vergine, che mostra il seno, spesso è accompagnata dalla espressione “mostra te esse matrem”, frase estrapolata dalla preghiera “Ave Maris Stella”. La Madonna, in questa precisa situazione, era rappresentata a seno scoperto, colta nell’atto di allattare il figlio oppure in procinto di farlo.


Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta


L’iconografia di una “donna che allatta”, o in procinto di farlo, risale all’antico Egitto dove vi era una notevole presenza di immagini della Dea Iside che allattava il figlio Horus. Il culto di Iside durerà molto a lungo, tanto da intrecciarsi con il primo Cristianesimo e, addirittura, alcune statue di Iside furono venerate come fossero Madonne cristiane.  Uscendo dalla simbiosi tra Iside e la Madonna, ritroviamo le rappresentazioni Cristiane della donna che allatta, sempre in Egitto, ma ora in parte convertito alla nuova religione, nel VII secolo. Tale iconografia ebbe in seguito molto successo nell’arte bizantina, dove prese il nome di Galaktrophousa. Dall’Oriente si trasferì in Occidente nei secoli seguenti, trovando ampia diffusione in Italia partendo dalla Toscana (XII secolo).
Dalla Toscana la rappresentazione salì rapidamente le terre italiche sino a giungere il  Piemonte dove, ebbe grandissima diffusione, tanto che sono attestate molte immagini della Madonna del Latte a ricordo di quel periodo splendido, e tendenzialmente dimenticato, che attraversa il tempo dal XII sino al XVI secolo.

Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta

Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta

Correva l'anno 1563 quando il Concilio di Trento, con il decreto De invocatione, veneratione et reliquiis sanctorum et sacris imaginibus, definì la posizione della Chiesa riguardo alle iconografie devozionali. Si decise che:
...Se poi in queste sante e salutari devozioni si fosse insinuato qualche abuso, il sacro concilio vuole ardentemente che questi siano subito eliminati, affinché non venga eseguita alcuna immagine di falsi dogmi o che dia occasione a errori pericolosi per gli incolti. Così, quando capitasse di rappresentare episodi della sacra scrittura a utilità della plebe incolta, si insegni al popolo che la divinità non sta nelle figure, come se potesse esser vista da occhi corporei e fissata in forme e colori. Analogamente, venga eliminata ogni superstizione nell'invocazione dei santi, nella venerazione delle reliquie e nell'uso sacro delle immagini. Si faccia cessare ogni turpe richiesta; si vieti infine ogni lascivia, così che le immagini non siano dipinte od ornate con bellezze provocanti. E la gente non approfitti della celebrazione dei santi o della visita alle reliquie per banchetti e ubriacature, come se le feste in onore dei santi dovessero trascorrere tra eccessi e licenze. In conclusione, i vescovi devono usare in questo campo la massima cura e diligenza perché, se alla casa di Dio spetta la santità, nulla vi si veda di disordinato, di fatto al contrario o alla rinfusa, nulla di profano e nulla di indecente.
L’intento del Concilio era chiaro, si dovevano evitare immagini di natura sensuale, o percepite come tali dalla morale dell’epoca.
Il Concilio annoverò le rappresentazioni della Madonna a seno scoperto tra queste immagini.
La Riforma cattolica tridentina annoverò tra queste immagini sconvenienti, che si riteneva potessero fuorviare il fedele, le rappresentazioni di Maria a seno scoperto poiché accusate di distogliere i fedeli dalla preghiera. Fu demandato ai vescovi il compito di valutare le varie rappresentazioni e di decidere se queste dovessero essere ritoccate, oppure rimosse.


Rongolise di Sessa Aurunca, Affresco dalla Chiesa rupestre di Santa Maria in Grotta



Mondragone, Santa Maria Incaldana


Santa Croce di Carinola, Virgo lactans
(foto da internet)

Formella dipinta dell'inizio 1900
(collezione privata)
Testo tratto da internet liberamente interpretato.

Le immagini, ove non diversamente indicato, 
sono di Salvatore Bertolino