La conoscenza di un territorio e dei suoi valori identitari costituisce non solo il fondamento di un sentimento di appartenenza per le comunità che vi risiedono, ma anche il presupposto per un reale apprezzamento e per una consapevolezza del valore, collettivo e individuale al tempo stesso, del patrimonio culturale locale, oltre che una condizione essenziale per la sua tutela e per la sua rinascita economica e sociale.

Knowing a country and its identity values is both the basis for a sense of belonging for local communities and the prerequisite for an appreciation and a true understanding of the single and collective importance of the cultural and territorial heritage. It is, moreover, the necessary condition to promote its protection and economic and social revival.

domenica 22 aprile 2012

Rongolise di Sessa Aurunca: chiesa rupestre di santa Maria in Grotta



Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco raffigurante la  Dormitio Virginis

Situata su un colle a circa 3 km ad ovest di Sessa Aurunca, la chiesa è costituita da due cavità intercomunicanti ricavate nel banco di tufo, come gli ambienti adiacenti che formano un vero e proprio complesso rupestre. I due ipogei risultano collegati ad un soprastante edificio in muratura che ha svolto funzione di romitaggio fino agli inizi del Novecento. L’invaso principale a pianta rettangolare e con orientamento nord-sud presenta la sezione trapezoidale e un bancale lungo le pareti. Il secondo vano, soprelevato rispetto all’invaso principale e orientato sud-ovest/nord-est ha la sezione semicircolare e l’ingresso anche dall’esterno.I due ambienti, in origine separati, furono messi in comunicazione nel 1691, allorché la parete di fondo dell’invaso principale venne modificata per creare un nuovo altare e una lunetta con la Vergine tra i santi Stefano e Girolamo.Nella seconda metà del XII secolo sulla parete orientale dell’invaso principale venne affrescata una Dormitio Virginis che, per l’impianto generale della scena e il titulus in greco, denuncia un collegamento con l’ambiente bizantino e differenzia questa chiesa dagli altri luoghi di culto in rupe della regione. È noto, infatti, che le pitture rupestri campane rivelano un contesto di committenza radicato nel clero e nella società ‘latina’ e che l’apertura alle nuove esperienze del mondo bizantino si verificò, talora con notevole ritardo generazionale, soprattutto a seguito della rivoluzione artistica di fine XI secolo promossa dall’abbazia di Montecassino. Sulle pareti laterali dell’invaso principale, tra la fine del XII secolo e la metà del successivo, vennero eseguiti alcuni pannelli con immagini di santi e della Vergine; in occasione della stesura degli affreschi lungo le pareti venne realizzato il bancale, ampliando alla base la sezione della cavità. La prossimità alla strada che congiungeva l’antica Suessa con la valle del Garigliano e la presenza di un vero e proprio complesso rupestre, entrambi compatibili con «le funzioni di parrocchia rurale», escludono «l’ipotesi che l’insediamento possa aver ospitato una comunità monastica». D’altronde il p(res)b(iter) Martinus che, intorno alla metà del XIII secolo, fece affrescare la Madonna Regina sulla parete destra dell’invaso principale apparteneva chiaramente al clero secolare, come l’abbas Petrus de Galono che nel 1308 amministrava la chiesa S. Marie de Gripta.


Il è testo tratto da:
Maria Amodio - Carlo Ebanista, Aree funerarie e luoghi di culto in rupe: le cavità artificiali campane tra tarda antichità e medioevo [A stampa in Atti VI Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali, Napoli, 30 maggio-2 giugno 2008 («Opera ipogea», 1/2 (2008), pp. 117-144 © degli autori – Distribuito in formato digitale da “Reti Medievali”].

Le foto sono di: 
Salvatore Bertolino




Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco raffigurante la Madonna Regina


Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco 

Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco 

Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco 

Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
la lunetta centrale con la Vergine tra i santi Stefano e Girolamo

Rongolise di Sessa Aurunca, chiesa rupestre di santa Maria in Grotta:
affresco 

sabato 21 aprile 2012

Fasani di Sessa Aurunca: la grotta di san Michele a Gualana

La cavità, solo parzialmente conservata a causa dello sbancamento connesso all’uso agricolo della collina, si apre nella parete tufacea sulla riva destra del rio Trabata, a breve distanza dalla strada che collega la via Appia al centro di Fasani, frazione quest’ultima del comune di Sessa Aurunca.
Nonostante il calpestio sia interrato per un’altezza di circa 1 metro, si riconoscono i resti della parete di fondo con un dipinto raffigurante S. Massimo e due absidiole affrescate rispettivamente con la Vergine orante tra i santi Tommaso e Nicola e Cristo tra S. Michele e S. Pietro; le pitture sono state assegnate al X secolo o alla metà dell’XI.
Il pannello con la Vergine, come indica l’iscrizione votiva, venne commissionato da un sacerdote, a testimonianza che la cavità non è pertinente ad un insediamento monastico, ma rappresenta piuttosto la cappella di una comunità rurale, identificabile forse con la chiesa di S. Angelo de Trabata menzionata nelle rationes decimarum del 1326.

Il testo è tratto da: 
Maria Amodio - Carlo Ebanista, Aree funerarie e luoghi di culto in rupe: le cavità artificiali campane tra tarda antichità e medioevo
[A stampa in Atti VI Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali, Napoli, 30 maggio-2 giugno 2008 («Opera ipogea», 1/2 (2008), pp. 117-144 © degli autori – Distribuito in formato digitale da “Reti Medievali”].


Fasani di Sessa Aurunca, grotta di san Michele


Fasani di Sessa Aurunca, grotta di san Michele:
affresco raffigurante il Cristo tra san Michele e san Pietro

Fasani di Sessa Aurunca, grotta di san Michele:
affresco raffigurante san Massimo

Fasani di Sessa Aurunca, grotta di san Michele:
affresco raffigurante la Vergine tra san Tommaso e san Nicola

domenica 8 aprile 2012

Il Premio Giornalistico “Matilde Serao”


Matilde Serao
(disegno di Adriana Gherardini Taglioni)
Il Premio Giornalistico “Matilde Serao” fu istituito nel mese di novembre 2001 dall’Amministrazione Comunale di Carinola, su iniziativa del consigliere Antonio Corribolo, allo scopo di rendere omaggio alla vita ed alle opere di una fra le più illustri scrittrici e giornaliste di tutti i tempi e per rimarcare il legame della Serao con la città di Carinola che l’aveva accolta nella sua adolescenza. 
La data di consegna del Premio fu fissata per il 14 marzo di ogni anno  in ricordo  della bella  serata del 14 marzo 1892, quando Matilde Serao ed Edoardo Scarfoglio fondarono a Napoli IL MATTINO, testata giornalistica,  che è stata sempre presente alla manifestazione  con i  direttori Mario  Orfeo e Virman  Cusenza.
Al Premio, nelle ultime tre  edizioni è stato riconosciuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con l’assegnazione di targhe di rappresentanza ed il Presidente  Giorgio Napolitano ha sempre manifestato vivo apprezzamento per l’iniziativa  in onore di Matilde Serao.
Poste Italiane Spa, fin dalla prima edizione quando fu realizzato un annullo speciale, ha collaborato fattivamente alla manifestazione, anche per ricordare che Matilde Serao è stata, per alcuni anni, una telegrafista di Stato.  Il Premio ha trovato la fattiva adesione di studiose di Matilde Serao provenienti da varie Università d'Italia ed il patrocinio di varie  Amministrazioni fra cui la Regione Campania,  la   Città di Napoli,  l’Amministrazione Provinciale di Caserta,  l’Ambasciata di Grecia in Italia che ha voluto così ricordare le origini materne di Matilde Serao.

Annullo speciale di Poste Italiane spa
in occasione della I edizione del Premio

Il Premio è destinato a giornaliste della televisione e della carta stampata che nel corso dell’anno precedente a quello di assegnazione,  si siano  particolarmente distinte  per impegno, professionalità e coraggio nelle attività di comunicazione ed informazione.

I edizione del Premio (in prima fila Carmen Lasorella e Natalia Aspesi)

Nelle edizioni passate, il Premio è stato assegnato a:  Carmen Lasorella (RAI 1),  Natalia Aspesi (Repubblica), Giovanna Botteri (RAI 3), Donatella Trotta (IL MATTINO),  Daniela Vergara (RAI 2),  Lucia Annunziata (RAI 3). 

Cartoncino della I edizione del Premio con 
firma autografa della vincitrice Carmen Lasorella

La manifestazione, nel corso degli anni, ha acquistato notevole risonanza a livello regionale e nazionale.  Per il prestigio, la professionalità e la notorietà delle premiate, la manifestazione si è inserita tra i più importanti Premi Giornalistici d’Italia, tanto che lo scorso anno era stata inserita nel bilancio della Regione Campania fra le manifestazioni di maggiore rilevanza culturale. La consegna del Premio è stata sempre associata a momenti di  approfondimento letterario che hanno conferito un notevole  spessore culturale alla  manifestazione con la partecipazione di giornaliste e studiosi di Matilde Serao provenienti da varie Università d’Italia.   
La manifestazione di consegna per l’edizione 2012 avverrà nel prossimo mese di maggio. Il Premio viene organizzato dall’Amministrazione Comunale di Carinola che si avvale della collaborazione del fondatore Antonio Corribolo.  
Fra gli altri organizzatori del Premio figurano il prof. Tommaso Daniele, Presidente dell’Unione Italiana Ciechi, la giornalista Lidia Luberto, la prof.ssa Rosaria Taglialatela, nonché, per passate edizioni, il compianto Padre Michele Piccirillo, francescano, archeologo della Terra Santa, originario di Casanova di Carinola.
Alla manifestazione è sempre stata presente l’unica nipote vivente di Matilde Serao la nobildonna Adriana Gherardini Taglioni che vive a Roma.

L'edizione 2012 che ha avuto il suo epilogo nella cerimonia tenutasi il 18 maggio 2012 nella splendida sala di Palazzo Petrucci a Carinola ha visto vincitrice del premio la giornalista de "Il Mattino" Rosaria Capacchione, da anni impegnata con i suoi reportages su camorra e malaffare per l'affermazione della legalità in provincia di Terra di Lavoro.
Alla presenza di un folto pubblico e numerose autorità militari e civili, erano presenti tra gli altri i neo eletti sindaci di Falciano del Massico, dott. Giosuè Santoro, e di Mondragone, dott. Giovanni Schiappa, hanno portato i loro saluti il Sindaco di Carinola Luigi Salvatore De Risi, il Presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi, la dott.ssa Vittoria Ciaramella in rappresentanza del Prefetto di Caserta, il Sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, il Presidente della Commissione Bilancio della Regione Campania on. Massimo Grimaldi, la preside della facoltà di Lettere della Seconda Università di Napoli prof.ssa Rosanna Cioffi, il prof. Tommaso Daniele presidente dell'Unione Italiana Ciechi, il prof. Goffredo Sciaudone, professore emerito della Seconda Università di Napoli. 
Hanno svolto gli interventi conclusivi Pasquale Ragozzino direttore della filiale di Caserta di Poste Italiane che ha ricordato i trascorsi di Matilde Serao come telegrafista di stato, Antonio Corribolo ideatore del Premio, Virman Cusenza direttore de "Il Mattino",  ed infine Adriana Gherardini Taglioni, che ha ricordato alcuni aneddoti inediti della nonna, nonchè Adele Marini Ceraldi, memoria storica della città di Carinola, alla quale è andata anche una targa di riconoscimento, che ha ricordato le due perle di Ventaroli: Matilde Serao e la Basilica di S. Maria in Foro Claudio, appena riaperta al culto. 
Padrona di casa la carinolese Lidia Luberto, giornalista del Corriere del Mezzogiorno.

Matilde Serao e Ventaroli di Carinola



Matilde Serao (Patrasso, 7 marzo 1856 – Napoli, 25 luglio 1927) è stata una scrittrice e giornalista italiana. È stata la prima donna italiana ad aver fondato e diretto un quotidiano, Il Mattino.

 
Matilde Serao nacque dal matrimonio tra l'avvocato napoletano Francesco Serao e Paolina Borely, nobile greca decaduta, discendente dei principi Scanavy di Trebisonda. Il padre Francesco, avvocato e giornalista, aveva dovuto lasciare la sua città nel 1848 perché ricercato come anti-borbonico. Durante l'esilio in Grecia aveva trovato lavoro come insegnante. Conobbe e sposò Paolina Borely, che sarà il modello della giovane Matilde.
Il 15 agosto 1860 la famiglia Serao, con l'annuncio dell'ormai imminente caduta di Francesco II, tornò velocemente in patria. Trovò alloggio a Ventaroli, frazione di Carinola.


A 26 anni (1882) lasciò Napoli per andare alla "conquista di Roma". Nella capitale collaborò per cinque anni con il Capitan Fracassa. Sotto lo pseudonimo «Ciquita» scrisse di tutto, dalla cronaca rosa alla critica letteraria. Inoltre si ritagliò uno spazio nei salotti mondani della capitale. Però la sua fisicità, la mimica e i modi spesso troppo spontanei per l'ambiente salottiero, la risata grossa, non la favorirono. Durante quelle riunioni, la sua fama di donna indipendente suscitò più curiosità che ammirazione.

Il primo incontro tra Edoardo Scarfoglio e Matilde Serao avvenne nella redazione del Capitan Fracassa. Matilde Serao rimase affascinata da quel giovane intelligente e vivace. Nacque una relazione che suscitò il pettegolezzo della Roma-bene.
Il 28 febbraio 1885 Matilde ed Edoardo si sposarono. Gabriele D'Annunzio scrisse la cronaca della giornata su La Tribuna. La coppia andò a vivere a palazzo Ciccarelli, in Via Monte di Dio. Ebbero quattro figli: Antonio, Carlo e Paolo (gemelli) e Michele.


Tra Matilde Serao ed Edoardo Scarfoglio non nacque solo un'unione sentimentale, ma anche un sodalizio professionale. Scarfoglio pensava da tempo di fondare un proprio giornale quotidiano. Insieme con Matilde realizzò il suo progetto: nel 1885 fondarono il Corriere di Roma. La moglie vi contribuì coi suoi scritti e invitando a collaborare le migliori firme del momento. Tuttavia il giornale non decollò, per la concorrenza del più forte La Tribuna, il quotidiano romano allora più diffuso. Serao, prendendo spunto da quell'esperienza, diede alle stampe un corposo romanzo, Vita e avventure di Riccardo Joanna, che Benedetto Croce definì "il romanzo del giornalismo". 

Nel 1891 Scarfoglio e la moglie lasciarono il Corriere di Napoli, di cui cedettero il proprio quarto di proprietà ricavando 100.000 lire. Con questo capitale la coppia decise la fondazione di un nuovo giornale, che venne chiamato Il Mattino e uscì con il primo numero il 16 marzo del 1892. Matilde talvolta usava firmare i suoi articoli con lo pseudonimo "Gibus" (cappello a cilindro che si chiude a scatto).


Dopo la morte di Edoardo Scarfoglio (1917), la Serao sposò Giuseppe Natale. Morto anche il secondo marito, rimase sola, ma continuò con la stessa vitalità il suo lavoro giornalistico e letterario. 
Matilde morì a Napoli nel 1927 colpita da un infarto mentre era intenta a scrivere. 

http://www.scrittriciritrovate.it/ita/scheda-serao.php



Ventaroli di Carinola
Ventaroli è anche meno di un villaggio né voi lo troverete nella carta geografica: è un piccolo borgo nella collina più vicino a Sparanise che a Gaeta. Vi sono duecentocinquantasei anime, tre case di signori, una chiesa tutta bianca ed un cimitero tutto verde; vi è un gobbo idiota, una vecchia pazza e un eremita in una cappelluccia.
Ventaroli di Carinola
 (a sinistra la chiesetta dedicata a san Filippo e san Giacomo protettori del piccolo borgo)
Così Matilde Serao (in un articolo pubblicato postumo da “Il Mattino” il 24 giugno 1956) ci descrive Ventaroli, piccolo borgo del comune di Carinola, dove trascorse momenti importanti della sua adolescenza. Il borgo che ha conservato intatto l'aspetto di quel tempo conta oggi meno dei 256 abitanti di allora, si snoda lungo la strada che dalla strada statale Appia conduce a Carinola. 
La casa è ancora esistente, all’inizio del borgo, in fondo al vicoletto a sinistra, provenendo dall’Appia in direzione di Carinola.


Ecco come Matilde Serao ci descrive la casa in cui visse in alcune pagine scritte nel 1878:

Ventaroli di Carinola, casa di Matilde Serao
(A ricordo della giornalista-scrittrice una targa sopra il portone nobile)

Era una grande casa di provincia, con un portone sempre chiuso, quello nobile, pei signori che vi davano un forte picchio col bastone, e un portone sempre spalancato, quello dove passavano i carri di grano, di vino, di carbone, di pasta […] Avevamo allora per noi i cameroni vuoti dove si stendeva il bucato nei giorni di pioggia, le larghe terrazze sotto il sole a cui arrivavamo arrampicandoci per le ripide scalette di legno, la grande loggia del primo piano, piena di maggiorana e di basilico… la dispensa del cortile dove si conservavano i salami e i formaggi… i granai dove rotolavamo giù dalle montagne di grano… .

Matilde Serao, Piccole anime, Milano, 1890.